Palazzo Metropolis 2016

Luogo: Bari
Committente: Volumi Metropolitani Srl
Budget: € 2.200.000,00
Progetto: Luca Labate con V. Amoruso e M. Notaristefano (2016-2017)

Il progetto per Palazzo Metropolis, è un intervento di rinnovamento urbano che ha riguardato la trasformazione di un fabbricato destinato ad uffici, in uno a destinazione prevalentemente residenziale, con locali commerciali al piano terra ed uffici al primo piano.
I temi principali affrontati hanno riguardato la ridefinizione delle due facciate, la distribuzione interna degli alloggi e la sistemazione dell’androne e degli spazi scoperti a piano terra.

Delle tre soluzioni proposte per il restyling del prospetto principale (su Corso Italia), quella scelta prevede un basamento definito da un sistema regolare di ampie aperture che individua la parte commerciale, sul quale poggia un volume intonacato con aggetti (balconi) corrispondente alla parte residenziale del Palazzo. La facciata, esposta a sud, è caratterizzata dalla presenza di un particolare sistema “retrofit” di schermatura solare per ridurre il riscaldamento degli ambienti retrostanti.
Il sistema, realizzato in acciaio, presenta una serie modulare di pannelli scorrevoli e fissi, questi ultimi connotati, dal punto di vista materico, dalla presenza di lastre traslucide in marmo di Carrara.
La facciata retrostante, è caratterizzata dalla sovrapposizione di ampi spazi loggiati ricavati reiterando quelli esistenti agli ultimi due piani.

Quest’ultimo si affaccia su una corte dove è stato ricavato uno spazio attrezzato e ombreggiato per i parcheggi al piano terra con un’area a verde posta sui bordi, lasciando liberi gli accessi alle rampe carrabili e pedonali che danno accesso ai due piani interrati.
Per quanto riguarda la distribuzione degli alloggi, sono state individuate quattro soluzioni, tutte composte da tre appartamenti. La prima, fatta eccezione per l’alloggio piccolo, prevede una distinzione degli ambienti lungo un asse est-ovest, con le zone giorno su Corso Italia e la zona notte con affaccio sulla corte interna. Le altre tre piante propongono varie soluzioni caratterizzate da spazi passanti che offrono all’alloggio la possibilità di un doppio affaccio strada/corte.La soluzione distributiva per il piano attico prevede due appartamenti e in questo caso si propone una soluzione con le zone giorno affacciate soprattutto sull’ampio terrazzo. Lo spazio esterno è sormontato da una struttura in metallo staccata dalla facciata che definisce uno spazio pergolato. La pergola svolge una duplice funzione, in quanto per una parte sostiene le essenze arbustive (a foglia caduca) e per la restante parte dei teli ombreggianti.
Palazzo Metropolis è un edificio non energivoro e tecnologicamente avanzato (classe A). Il raffrescamento passivo prodotto dalle schermature solari poste sulla facciata sud, è un metodo della progettazione sostenibile che permette il controllo delle condizioni di comfort interne utilizzando le risorse climatiche disponibili. La presenza degli schermi scorrevoli consente inoltre di beneficiare il più possibile della radiazione solare in inverno. Questi sono alcuni dei principali accorgimenti che permettono di controllare il comfort interno minimizzando l’utilizzo di energia primaria.

L'impiego di pompe di calore centralizzate di ultima generazione, insieme all'uso di pannelli fotovoltaici e di pannelli solari-termici collocati sulla copertura del piano attico, consente elevate performance energetiche con una sensibile riduzione dei costi di gestione.
La presenza del sistema di schermatura, oltre che proteggere l’edificio dall’irraggiamento estivo, è inteso come principale strumento espressivo di questa nuova architettura pensata per un luogo centrale della città.